Domanda: come deve essere motivato un avviso di accertamento relativo alla variazione di classamento di un immobile?  

 

E’ un principio ormai consolidato in sede giudiziaria che l’atto con cui l’amministrazione disattende le indicazioni del contribuente  effettuate tramite procedura DOCFA deve contenere una adeguata motivazione che sia idonea a delimitare l’oggetto della successiva ed eventuale controversia giudiziaria (Cass. sent. n° 2709/2014).

Invero, in tema di classamento di immobili, qualora l’attribuzione della rendita catastale avvenga a seguito della procedura DOCFA, l’obbligo di motivazione dell’avviso di classamento è soddisfatto con la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non siano stati disattesi dall’Ufficio e l’eventuale discrasia tra rendita proposta e rendita attribuita derivi da una valutazione tecnica sul valore economico dei beni classati, mentre, in caso contrario, la motivazione dovrà essere più approfondita e specificare le differenze riscontrate per consentire il pieno esercizio del diritto di difesa del contribuente.

In sostanza, qualora l’Ufficio proceda a una riconsiderazione dell’estensione dei vani (ad esempio da 10 a 12 vani), deve specificare nell’atto notificato al contribuente le ragioni della predetta estensione proprio perché correlata ad una diversa valutazione dei fatti posti a base della dichiarazione DOCFA.

Sul punto si segnalano le seguenti pronunce che hanno ribadito i principi di diritto di cui sopra:

– Cass. sent. 28933/2017;

– Cass. sent. n°12080/2016;

– Cass. sent. n. 5580/2015.

Se hai dubbi in merito alla rideterminazione della classe e della rendita accedi al servizio

DIFENDI IL TUO IMMOBILE

contattando lo studio Sgrò per un esame più approfondito della materia compilando il seguente modulo

Inviaci email

6 + 0 = ?

Facendo un controllo presso Equitalia mi sono trovata dei debiti con il Fisco di cui non sapevo nulla. Grazie allo Studio Sgrò ho scoperto che molte somme non erano dovute!

Alessia
AlessiaImprenditrice

Ho rottamato molte cartelle ma dopo un esame più approfondito mi sono accorto che alcune erano già prescritte e altre notificate in modo non corretto. Ho fatto ricorso con lo studio Sgrò.

Piero
PieroProfessionista

Non sapevo proprio come fare: avevo una montagna di cartelle esattoriali per multe con il motorino. Per fortuna abbiamo verificato ogni cartella e ci siamo accorti che c’erano molti errori…abbiamo ridotto di tanto il debito e ora sono molto più tranquilla. Grazie avvocato

Simona
SimonaSegretaria Studio notarile

Avevo un fermo sulla mia unica macchina. Abbiamo fatto ricorso contro Equitalia e abbiamo ottenuto la cancellazione del fermo e delle cartelle di pagamento.

Fabio
Fabio

Mi volevano portare la rendita catastale al triplo di quella attuale. Tutte le tasse sarebbero state triplicate, per fortuna siamo intervenuti in tempo e abbiamo bloccato l’Agenzia. Ottimo lavoro.

Giuseppe
Giuseppeproprietario

STUDIO LEGALE SPECIALIZZATO IN CARTELLE DI PAGAMENTO EQUITALIA AVVISI DI INTIMAZIONE EQUITALIA FERMO AUTO/MOTO EQUITALIA IPOTECA EQUITALIA AVVISI DI ACCERTAMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE/INPS