Domanda: può il contribuente rettificare la propria dichiarazione dei redditi in sede giudiziaria?

Riferimenti:

– Corte di Cassazione a Sezioni Unite, sentenza n° 17757/2016;

– Corte di Cassazione, sentenza n° 29555/2017.

Nella redazione della dichiarazione dei redditi può accadere che il contribuente o il professionista che lo assiste nella compilazione dell’atto da trasmettere al fisco, incorra in errori dovuti a distrazione od omissioni che incidono nella corretta determinazione del tributo. Si parla in questi casi di lapsus calami, ovvero errori dovuti alla fretta o alla distrazione.

Detti errori, per rispondere alla domanda iniziale, possono sicuramente essere corretti anche in fase contenziosa innanzi le Commissioni Tributarie.

Invero, il principio di diritto espresso dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite (sentenza n° 17757/2016) è che il contribuente in sede contenziosa può sempre opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’amministrazione finanziaria, allegando errori, di fatto o di diritto, commessi nella redazione della dichiarazione, incidenti sull’obbligazione tributaria.

Difatti, la dichiarazione dei redditi presentata al fisco nei termini di legge costituisce una mera esternazione di scienza che può sempre essere emendata in sede contenziosa poiché il processo tributario è il luogo deputato e privilegiato affinché la posizione del contribuente, quale titolare di diritti soggettivi perfetti derivanti dalla legge nazionale e dal diritto dell’UE, possa essere tutelata nel quadro della giusta imposizione fiscale.

Non si dimentichi, poi, che l’art. 10 dello Statuto del Contribuente impone che i rapporti tra contribuente e fisco siano improntati al principio di collaborazione e buona fede.

Il principio di diritto espresso dalle Sezioni Unite è stato recentemente ribadito dalla Sesta Sezione della Corte di Cassazione con la sentenza n° 29555/2017. Invero i giudici di legittimità si sono espressi nel senso che “va riconosciuta la possibilità per il contribuente, in sede contenziosa, di opporsi alla pretesa tributaria azionata dal fisco – anche con diretta iscrizione a ruolo a seguito di mero controllo automatizzato allegando errori od omissioni incidenti sull’obbligazione tributaria, indipendentemente dal termine per la presentazione e la rettifica della dichiarazione fiscale”.

STUDIO LEGALE SPECIALIZZATO IN CARTELLE DI PAGAMENTO EQUITALIA AVVISI DI INTIMAZIONE EQUITALIA FERMO AUTO/MOTO EQUITALIA IPOTECA EQUITALIA AVVISI DI ACCERTAMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE/INPS

Inviaci email

1 + 3 = ?

Facendo un controllo presso Equitalia mi sono trovata dei debiti con il Fisco di cui non sapevo nulla. Grazie allo Studio Sgrò ho scoperto che molte somme non erano dovute!

Alessia
AlessiaImprenditrice

Ho rottamato molte cartelle ma dopo un esame più approfondito mi sono accorto che alcune erano già prescritte e altre notificate in modo non corretto. Ho fatto ricorso con lo studio Sgrò.

Piero
PieroProfessionista

Non sapevo proprio come fare: avevo una montagna di cartelle esattoriali per multe con il motorino. Per fortuna abbiamo verificato ogni cartella e ci siamo accorti che c’erano molti errori…abbiamo ridotto di tanto il debito e ora sono molto più tranquilla. Grazie avvocato

Simona
SimonaSegretaria Studio notarile

Avevo un fermo sulla mia unica macchina. Abbiamo fatto ricorso contro Equitalia e abbiamo ottenuto la cancellazione del fermo e delle cartelle di pagamento.

Fabio
Fabio