In tema di imposta di registro, l’art. 2 del D.L. n 118/1985  dispone che per ottenere i benefici c.d. prima casa, previsti in caso di acquisto di immobile in altro Comune, il compratore deve trasferire la propria  residenza entro il termine di diciotto mesi dall’acquisto.

E se dovessero esservi degli ostacoli al trasferimento?

Vi sono però dei casi in cui il mancato stabilimento nei termini di legge della residenza non comporta la decadenza dall’agevolazione. Ciò avviene solo quando l’eventuale ostacolo al trasferimento della residenza non sia riconducibile alla parte obbligata e sia caratterizzato dall’inevitabilità e imprevedibilità dell’evento.

Casi in cui è possibile invocare la causa di forza maggiore.

E’ legittimo invocare la causa di forza maggiore quando l’acquirente non ha potuto trasferire la residenza nell’immobile acquistato perché quest’ultimo risulta illegittimamente occupato da parte di un terzo. Ciò che si deve tutelare è la legittima aspettativa dell’acquirente all’immediato rilascio dell’immobile tanto che  le vicende successive all’invito al rilascio e i conseguenti atti di resistenza ben configurano la forza maggiore.

E’, dunque, illegittimo un provvedimento dell’Agenzia che neghi il beneficio delle agevolazioni per la prima casa oggetto di occupazione da parte di terzi poiché l’occupazione deve essere considerata un evento non prevedibile, inaspettato e sovrastante la volontà del contribuente di abitare nella prima casa entro il termine previsto dalla legge.

Questo è il recentissimo e corretto orientamento della Corte di Cassazione in materia di forza maggiore rapportata al diritto alle agevolazioni per la prima casa (Cass. sent. n. 10936/2019).

In sostanza, non può considerarsi perentorio il termine di diciotto mesi per il trasferimento della residenza nella nuova abitazione quando vi è in corso un’azione per liberare l’immobile da un’occupazione abusiva ( lo stesso principio vale anche per uno sfratto) in quanto siamo difronte a una causa di forza maggiore e, in quanto tale, tutelata dal nostro ordinamento giuridico (si veda anche Cass. Sent. n. 25437/2015).

Vuoi verificare la legittimità di un atto che ti è stato notificato?

  Compila il modulo e ti fisseremo un appuntamento telefonico.

Oppure chiama al numero telefonico 06.68.89.18.96

STUDIO LEGALE SPECIALIZZATO IN CARTELLE DI PAGAMENTO EQUITALIA AVVISI DI INTIMAZIONE EQUITALIA FERMO AUTO/MOTO EQUITALIA IPOTECA EQUITALIA AVVISI DI ACCERTAMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE/INPS

Inviaci email

1 + 1 = ?

Facendo un controllo presso Equitalia mi sono trovata dei debiti con il Fisco di cui non sapevo nulla. Grazie allo Studio Sgrò ho scoperto che molte somme non erano dovute!

AlessiaImprenditrice

Ho rottamato molte cartelle ma dopo un esame più approfondito mi sono accorto che alcune erano già prescritte e altre notificate in modo non corretto. Ho fatto ricorso con lo studio Sgrò.

PieroProfessionista

Non sapevo proprio come fare: avevo una montagna di cartelle esattoriali per multe con il motorino. Per fortuna abbiamo verificato ogni cartella e ci siamo accorti che c’erano molti errori…abbiamo ridotto di tanto il debito e ora sono molto più tranquilla. Grazie avvocato

SimonaSegretaria Studio notarile

Avevo un fermo sulla mia unica macchina. Abbiamo fatto ricorso contro Equitalia e abbiamo ottenuto la cancellazione del fermo e delle cartelle di pagamento.

Fabio