INESISTENTE LA CARTELLA NOTIFICATA PER MEZZO DEL SERVIZIO POSTALE DIRETTAMENTE DA EQUITALIA

Comm. Trib. Provinciale di Roma – sentenza n° 247/19/2013

La notifica della cartella di pagamento per mezzo del servizio postale eseguita direttamente dall’agente per la riscossione deve considerarsi inesistente. Difatti, il legislatore con le modifiche apportate all’art. 26  del D.P.R. 602/1973, ha voluto escludere l’esattore, oggi concessionario, dalla notificazione mediante servizio postale e di conseguenza, a far data  dal 01/07/1999, l’agente della riscossione non può consegnare materialmente la cartella all’agente postale ma deve avvalersi degli ufficiali della riscossione o di altri soggetti abilitati nelle forme previste dalla legge per eseguire la notifica per il tramite del servizio postale.

 Articoli correlati: Pignoramento dello stipendio da parte di equitaliaL’estratto di ruolo è opponibile?Il “si” della CTP di Roma alla notifica diretta da parte di EquitaliaLa notifica alla coinquilina non è valida –  Novità sui piani di rateazione con EquitaliaNotifica agli erediPignoramento Equitalia: ipotesi di illegittimitàCartella di pagamento a seguito di comunicazione di irregolaritàEquitalia: iscrizione ipotecariaNotifica della cartella esattoriale al portiereNullità ipoteca iscritta da EquitaliaSottoscrizione del ruolo: la mancanza determina l’illegittità del provvedimentoNotifica degli atti solo tramite Poste Italiane

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *