Di recente mi sono trovato a dover gestire alcune cause, in sede tributaria, in merito alla legittimità di alcuni avvisi di accertamento IMU emessi dal Comune di Anguillara Sabazia. Si tratta, infatti, di terreni considerati dall’amministrazione comunale quali aree edificabili, anziché terreni agricoli. La qualificazione data dal Comune, però, non risponde alla reale situazione dei terreni che risultano a tutti gli effetti all’interno di una zona agricola. Proprio per tale ragione ho consigliato al mio assistito di proporre ricorso innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Roma.  Le eccezioni sollevate dal contribuente riguardano diversi profili inerenti all’illegittimità dell’avviso di accertamento IMU.

Difetto di motivazione.

In via preliminare, abbiamo eccepito la nullità dell’avviso di accertamento per palese difetto di motivazione. Infatti, l’amministrazione comunale ha individuato in € 12/mq il valore dei terreni senza indicare al contribuente come si sia pervenuti alla determinazione di detto valore e in che modo si è data applicazione al dettato normativo di cui all’art. 5 del D.lgs. n. 504/1992.

Invero, detta norma con riferimento alle aree fabbricabili dispone che “il valore è costituito da quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione,  avendo  riguardo alla zona territoriale di  ubicazione, all’indice  di  edificabilità,  alla destinazione  d’uso  consentita,  agli  oneri  per   eventuali   lavori   di adattamento del  terreno  necessari  per  la  costruzione,  ai  prezzi  medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche”.

Zona agricola o edificabile?

Nel merito, invece, abbiamo eccepito l’importante circostanza che il certificato di destinazione urbanistica  indicava i terreni ricadenti in zona agricola in virtù del P.R.G. del 26/7/1978. Infatti, a nulla vale la successiva Variante Generale al P.R.G., adottata con Delibera n°48 del 23/12/2006, che ha assoggettato detti terreni all’interno della Zona C2 – espansione residenziale priva di riqualificazione – atteso che detto provvedimento nell’anno 2011 è decaduto (trascorsi 5 anni) per mancata approvazione da parte della Regione Lazio.

La sentenza n. 5479/16/2019 della Commissione Tributaria Provinciale di Roma.

La Commissione Tributaria Provinciale di Roma con la sentenza n. 5479/16/2019 ha accolto il ricorso proposto dal mio studio, annullando l’avviso di accertamento IMU  per un palese difetto di motivazione dell’atto e, contestualmente, condannando il Comune al pagamento di € 1.500,00 di spese processuali.

In particolare i Giudici capitolini hanno accolto il ricorso perché l’Amministrazione comunale ha applicato un valore venale non contemplato nella delibera della Giunta comunale n. 51/2007, il cui estratto è stato accluso all’avviso di accertamento opposto, limitandosi, per il resto, a riportare una mera elencazione di norme astrattamente applicabili e generiche, che costituiscono stereotipate motivazioni valevoli per qualsiasi atto.

Dunque è stata accolta la questione preliminare del difetto di motivazione.

 

Ma quid iuris in merito alla corretta qualificazione dei terreni?

Sul punto ci soccorre la recentissima sentenza n. 2477/16/2019 emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Roma che, seppur laconicamente, qualifica le aree oggetto di contenzioso quali aree agricole. Infatti secondo la Commissione giudicante non può trovare applicazione la Variante Generale al P.R.G., adottata con Delibera n°48 del 23/12/2006 che ha assoggettato detti terreni all’interno della Zona C2 – espansione residenziale priva di riqualificazione.

Vuoi verificare la legittimità di un atto che ti è stato notificato?

 Compila il modulo e ti fisseremo un primo appuntamento telefonico.

Oppure chiama al numero telefonico 06.68.89.18.96

STUDIO LEGALE SPECIALIZZATO IN CARTELLE DI PAGAMENTO EQUITALIA AVVISI DI INTIMAZIONE EQUITALIA FERMO AUTO/MOTO EQUITALIA IPOTECA EQUITALIA AVVISI DI ACCERTAMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE/INPS

Inviaci email

0 + 1 = ?

Facendo un controllo presso Equitalia mi sono trovata dei debiti con il Fisco di cui non sapevo nulla. Grazie allo Studio Sgrò ho scoperto che molte somme non erano dovute!

AlessiaImprenditrice

Ho rottamato molte cartelle ma dopo un esame più approfondito mi sono accorto che alcune erano già prescritte e altre notificate in modo non corretto. Ho fatto ricorso con lo studio Sgrò.

PieroProfessionista

Non sapevo proprio come fare: avevo una montagna di cartelle esattoriali per multe con il motorino. Per fortuna abbiamo verificato ogni cartella e ci siamo accorti che c’erano molti errori…abbiamo ridotto di tanto il debito e ora sono molto più tranquilla. Grazie avvocato

SimonaSegretaria Studio notarile

Avevo un fermo sulla mia unica macchina. Abbiamo fatto ricorso contro Equitalia e abbiamo ottenuto la cancellazione del fermo e delle cartelle di pagamento.

Fabio