Riferimenti:

– Commissione Tributaria Provinciale di Roma sentenza n. 22734/2017.

Ogni atto tributario deve essere motivato poiché solo un’adeguata motivazione permette al cittadino di ricostruire correttamente la pretesa fiscale.

Non può costituire da salvagente, come avviene spesso in giudizio, la tesi della conformità della cartella di pagamento al modello ministeriale o direttoriale atteso che ciascun atto deve indicare in modo chiaro e intellegibile la pretesa fiscale.

Quanto sopra non ammette deroghe.

Con la pronuncia n°22734/2017, la Commissione Tributaria Provinciale di Roma ha dichiarato la nullità di una cartella esattoriale per difetto di motivazione originato dalla mancanza di chiarezza nei contenuti e in particolare per omessa indicazione delle modalità di calcolo degli interessi applicati. Invero, secondo il Collegio romano nel momento stesso in cui il contribuente riceve una cartella esattoriale deve essere in grado di comprenderne causali e voci indicate, ed è il caso degli interessi applicati.

Sulle modalità di calcolo degli interessi si è pronunciata recentemente la Suprema Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 24933/2016, ha dichiarato nulla la cartella per omessa indicazione delle modalità di calcolo. Il principio fondamentale è che il contenuto della cartella deve risultare intellegibile al contribuente; qualora non fosse chiara la modalità di calcolo, la conseguenza sarà l’annullamento.

A una cartella esattoriale si applicano i tassi d’interesse legale, oltre gli interessi moratori in caso di pagamento oltre la scadenza dei sessanta giorni, senza contare che agli interessi che “maturano” dopo la notifica vanno aggiunti anche quelli che sono stati già applicati dall’Ente creditore all’atto della formazione del ruolo che è stato consegnato all’Agente di riscossione. E’, dunque evidente, che se la cartella di pagamento o un’intimazione non indicano in modo chiaro come siano stati calcolati gli interessi applicati e la percentuale degli stessi, siamo difronte a una violazione dell’obbligo di motivazione sancito dall’art. 7 dello Statuto del Contribuente.

Hai ricevuto una cartella di pagamento o un’intimazione?

Vuoi verificare che sia conforme ai principi enunciati dalla Corte di Cassazione?

Compila il modulo qui sotto e sarai contattato o chiamaci al numero 06.68891896

STUDIO LEGALE SPECIALIZZATO IN CARTELLE DI PAGAMENTO EQUITALIA AVVISI DI INTIMAZIONE EQUITALIA FERMO AUTO/MOTO EQUITALIA IPOTECA EQUITALIA AVVISI DI ACCERTAMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE/INPS

Inviaci email

1 + 7 = ?

Facendo un controllo presso Equitalia mi sono trovata dei debiti con il Fisco di cui non sapevo nulla. Grazie allo Studio Sgrò ho scoperto che molte somme non erano dovute!

Alessia
AlessiaImprenditrice

Ho rottamato molte cartelle ma dopo un esame più approfondito mi sono accorto che alcune erano già prescritte e altre notificate in modo non corretto. Ho fatto ricorso con lo studio Sgrò.

Piero
PieroProfessionista

Non sapevo proprio come fare: avevo una montagna di cartelle esattoriali per multe con il motorino. Per fortuna abbiamo verificato ogni cartella e ci siamo accorti che c’erano molti errori…abbiamo ridotto di tanto il debito e ora sono molto più tranquilla. Grazie avvocato

Simona
SimonaSegretaria Studio notarile

Avevo un fermo sulla mia unica macchina. Abbiamo fatto ricorso contro Equitalia e abbiamo ottenuto la cancellazione del fermo e delle cartelle di pagamento.

Fabio
Fabio